Migliori Micro Auricolari

È possibile telefonare in piena libertà? Certamente, grazie ai migliori auricolari bluetooth. Questi piccoli, eleganti dispositivi elettronici permettono infatti di avere le mani libere mentre si chiama o si ascolta la musica.

Non sono pochi coloro che, al momento della scelta, sono convinti che “tanto uno vale l’altro”. Così acquistano ad occhi chiusi, accontentandosi di un audio appena decente. Eppure, col tempo, si accorgono che non è affatto così e il dispositivo comprato a basso prezzo finisce per essere dimenticato in fondo a un cassetto.

Prima di lasciarsi affascinare dall’estetica o dalle molteplici funzioni, è necessario verificare che il dispositivo supporti la stessa versione del bluetooth installata nel proprio cellulare. Una volta fatto questo, solitamente si dà la priorità al modello più comodo e funzionale.

Alcune versioni si fissano sopra l’orecchio, altre sono ideate per l’inserimento al suo interno. E se si portano gli occhiali, anche quelli da sole, ecco disponibili pratici modelli da fissare alla montatura.

Ma se, al di là delle mode, dei gusti e della praticità, l’aspetto che si considera di primaria importanza è la chiarezza durante le conversazioni telefoniche, allora niente di meglio che un modello con microfono boom, con il suo “braccio” che si estende fino alla bocca.

E se il telefono è progettato per riprodurre gli MP3, allora niente di meglio che sceglierne uno con funzione A2DP (Advanced Audio Distribution Profile) in grado di garantire un suono puro e di assoluta qualità.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori auricolari bluetooth:

Anker Soundcore Spirit

Gli auricolari in-ear a marchio Anker si presentano con un design più compatto e leggero ed integrano i controlli fisici sul cavo di collegamento. I due piccoli padiglioni hanno il retro magnetico e possono essere uniti quando tolti dalle orecchie. Resistono agli schizzi d’acqua grazie alla certificazione IPX7, hanno autonomia di 8 ore e una discreta qualità audio.

Aukey Latitude

Sempre restando su prezzi aggressivi, potete acquistare su Amazon le Aukey Latitude, che sono tra i migliori auricolari Bluetooth economici in assoluto. Il design è molto simile alle Spirit, con controlli fisici sul cavo di collegamento e struttura in-ear leggerissima, solo 13 grammi. Ci sono il microfono integrato e il supporto per impermeabilità IPX4, tecnologia aptX, CVC6.0 e Bluetooth 4.1. Autonomia sempre fino a 8 ore, mentre la ricarica dura un’ora e mezza.

Bose SoundSport Free

Ci sono le cuffiette wireless, e poi ci sono i Bose SoundSport Free. Con un’eccezionale connessione che raramente cade, questi auricolari davvero privi di cavi offrono una profondità e una chiarezza senza precedenti. Inoltre non hanno la cancellazione del rumore poiché non creano un sigillo nel condotto uditivo per bloccare i suoni circostanti, ciò può essere una buona cosa per gli atleti che devono essere consapevoli di ciò che li circonda.

Ancora, questi SoundSport Free si appoggiano comodamente sulla parte esterna del condotto uditivo, proprio come gli AirPods di Apple, e sono dotati di tre inserti intercambiabili StayHear+ Sport per adattarsi a tutti i tipi di orecchio.

L’autonomia si aggira sulle 4 ore e mezza, mentre la custodia per il trasporto prevede garantisce altre 2 ricariche complete. Sono costosi di sicuro, ma sono di certo quelli consigliati in assoluto considerando pro e contro.

Plantronics BackBeat FIT

I BackBeat FIT non saranno di certo famosi per la qualità sonora da audiofilo, ma Plantronics sa il fatto suo quando si parla di auricolari wireless ideati per lo sport. Questa coppia di auricolari ha sopportato di tutto durante i miei testi: acqua, polvere, sudore e urti. Come sono? Perfetti come appena comprati. Per l’atleta alla ricerca di auricolari sportivi resistenti, i Plantronics BackBeat FIT sono la scelta perfetta.

Jabra Elite Sport

Jabra Elite Sport sono gli auricolari sportivi più avanzati dell’azienda. Riprende alcune delle parti migliori delle precedenti cuffiette in-ear wireless e le racchiude in un form factor true wireless, “veramente senza fili”.

Ci sono dei compromessi, come l’autonomia di circa 4,5 ore, o il prezzo non proprio contenuto. Ma ci sono altrettante funzioni extra, come il sensore per i battiti cardiaci e l’app proprietaria Jabra Sport Life, nella quale è possibile anche tenere traccia del VO2 Max.

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *